Street art Berlino: non solo East Side Gallery

east side gallery street art berlino

4 mins read.

Ami i murales, vuoi sapere dove vederli ma vuoi andare oltre le classiche rotte turistiche? Non perderti questo articolo sulla street art Berlino.

Se anche te piace ammirare i graffiti senza la calca di persone attorno, sei nel posto giusto. Berlino è piena di street art, ma bisogna sapere dove andare, perché non c’è solo la East Side Gallery.
Ho infatti creato qui di seguito un itinerario apposito, testato in prima persona, che mi ha portato ad ammirare opere stupende, senza nessuno attorno a me. Se ti ho incuriosito continua a leggere, siamo solo che all’inizio.

Ho visitato questa città durante il mio interrail in Europa e l’ho trovata ricca di attività e di bellezze da scoprire. A livello culturale e storico ha davvero modo da offrire e se poi ami anche i murales, hai fatto bingo.

La città infatti è ricca di graffiti un pò ovunque, anche se la maggior parte si concentrano nella zona a sud-est della città. Ad ogni modo a parte i più famosi, ci sono anche molti murales più nascosti, situati in vie secondarie e meno conosciuti. Ma se non parti già preparato/a, vederli sarà difficile.

E’ per questo che ho deciso di scrivere questo articolo, per darti la possibilità di avere il lavoro già fatto, visto che ci ho pensato io!
Di seguito troverai tutte le localizzazioni e anche l’itinerario, in modo che tu possa goderti a pieno la tua giornata, senza pensare a nulla. Sei quindi pronto/a a scoprire la Street Art Berlino? Iniziamo.

East Side Gallery, dove si trova

La East Side Gallery, è sicuramente il punto più famoso per ammirare la street art Berlino, dichiarata anche monumento nazionale. Questa zona costeggia tutto il fiume, ed è stata realizzata nella più lunga sezione del Muro di Berlino conservatasi fino a oggi.

Questi splendidi murales sono stati dipinti negli anni immediatamente successivi al 1989, da numerosissimi artisti provenienti da tutto il mondo e hanno un grande impatto visivo, perché trasmettono emozioni profonde e toccanti. Proprio per questo motivo, valgono la pena essere visti, anche se sono decisamente molto turistici.

La East Side Gallery è quindi il punto di partenza perfetto per il nostro itinerario. Ma come arrivarci?

Visto che è un pò lontana dal centro, hai cinque opzioni per raggiungerla: prendere l’autobus, come abbiamo fatto noi, la metropolitana, un taxi, noleggiando una bicicletta, oppure se hai tempo a piedi.

La fermata dove scendere, sia in autobus che in metro, è poi Ostbahnhof.

Infatti i murales iniziano da Schulz Hotel Berliner Mauer e proseguono fino Oberbaum Bridge. Si tratta di poco più di 1 km da percorrere a piedi, dove potrai ammirare tantissime opere d’arte, alcune molto famose, come the Mortal Kiss, il famoso bacio di Leonid Il’ič Brežnev e Erich Honecker, rispettivamente Segretario Generale dell’URSS e Presidente della DDR.

Così facendo avrai visto la parte più famosa e turistica non solo del muro, ma anche della street art Berlino. Se quindi non hai molto tempo a disposizione, ti consiglio di ammirare solo questi murales e poi di riprendere la metro e tornare in centro a Berlino.

Ma se non hai fretta e ami i graffiti, ti consiglio l’itinerario che abbiamo percorso noi. Passeggerai per vie poco conosciute ricche di murales unici senza alcun turista, passando per quartieri residenziali dove potrai vivere la giornata come un local.

Itinerario street art Berlino

Dopo aver percorso tutto il lungo fiume e aver ammirato i vari graffiti della East Side Gallery, attraversa l’Oberbaum Bridge, da dove potrai ammirare il Pink Man, un murales che raffigura un uomo rosa, fatto di tanti piccoli uomini.

Proseguendo lungo la Oberbaumstraße per immetterti nella Skalitzer, la via principale, potrai scorgere The Yellow Man, una rappresentazione di un uomo colorato di giallo, indossare una maglia bianca, una scarpa e dei pantaloni colorati. 

Il lato positivo del percorrere questa strada, è che essendo una delle vie principali, è molto ampia e larga, in questo modo potrai passeggiare in tutta tranquillità, lontano/a dalle macchine.
Tra l’altro lungo questa via passa anche la metropolitana rialzata, quindi in qualsiasi momento tu voglia, potrai prendere un mezzo per rientrare in città più velocemente.
Un altro aspetto positivo è che potrai viverti i quartieri meno famosi e meno conosciuti, e vedere la vita di tutti i giorni delle persone. 

Ad ogni modo dopo circa 1.5km dal The Yellow Man, potrai ammirare su Mariannenstraße una traversa di Skalitzer, il murales di un astronauta, chiamato per l’appunto Astronaut – Space Crusader.

Rimboccando la via principale, dopo circa 1km potrai vedere il quarto murales di questo itinerario, ovvero Süße Sünde Mural, una mela mangiata per un quarto.

Una volta raggiunto questo murales, io ti consiglio di entrare al KÖNIG GALERIE, distante un paio di minuti a piedi. Si tratta di una galleria che ospita mostre d’arte ed eventi davvero molto interessanti, senza contare che la struttura è in pieno stile industriale, che io amo.

Da non perdere ti consiglio anche il Jüdisches Museum, un museo ricco di storia e di informazioni sul genocidio degli ebrei durante la seconda guerra mondiale. Non è una visita facile, vedrai opere, testi e narrazioni di uno dei momenti più bui della storia dell’uomo, ma credo sia giusto che ogni persona ricordi quanto accaduto, affinché gli sbagli del passato, possano farci prendere decisioni migliori nel nostro presente e futuro. 

Infine a 500 metri dal museo, troverai una piazza enorme, dove vedere il Make Art not War Murales. In questa piazza troverai diverse opere di graffiti, una più bella dell’altra, quindi ti consiglio di non perdertela. 

Proseguendo verso nord dalla piazza, in circa 2 minuti a piedi potrai ammirare anche il Mural by Aryz, raffiguranti una serie di uomini e il Mural by PichiAvo, un’opera immensa, dove al centro si trovano due volti di due sculture, colorate di tanti colori. 

Il nostro itinerario alla scoperta dei più bei murales di Berlino termina qua, dal momento che camminando lungo questa via principale, arriverai al Check point Charlie, ovvero sarai arrivato/a in centro a Berlino. 

Se quindi deciderai di seguire questo itinerario, non solo potrai vedere bellissime opere scoprendo la vera street art Berlino, ma avrai anche visto un lato della città che non tutti vedono. Quello fatto di quotidianità e di vita normale, perché passeggiando in quartieri residenziali e non turistici, scoprirai la città come un vero local.

Info sull'autore

Alice Pruccoli

Vivo e viaggio all'estero da quando a 21 anni sono partita con il mio biglietto di sola andata per l'Australia. Da allora sono sempre alla ricerca di nuovi paesi oltreoceano da scoprire!
In questo blog potrai quindi trovare ispirazione per nuove mete oppure farti organizzare il tuo viaggio da me.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.