kuala lumpur cosa vedere

Kuala Lumpur cosa vedere, 13 attività da non perdere

Articolo aggiornato il 16/05/2024 da Alice Pruccoli


Lasciati ispirare e scopri a Kuala Lumpur cosa vedere in uno o più giorni, tra foreste pluviali, grotte, grattacieli, enormi mercati e tanto altro.

Multiculturale, vivace e colorata, Kuala Lumpur è una metropoli estremamente all’avanguardia, ricca com’è di palazzi e di grattacieli, ma non farti ingannare, perché tra le sue strade troverai anche tanta semplicità e autenticità.

Sia quindi che tu sia in città per iniziare la scoperta della Malesia, o per uno scalo lungo prima di raggiungere un’altra destinazione, Kuala Lumpur merita di essere vista per qualche giorno.

Hai bisogno di supporto per capire quanti giorni dedicare a Kuala Lumpur e come organizzare al meglio il viaggio? Contattami!
Di lavoro mi occupo proprio di creare viaggi e itinerari su misura, testando in prima persona le esperienze e gli itinerari che propongo.

A questo link puoi trovare i servizi che offro, mentre a quest’altro, potrai leggere le recensioni delle persone che si sono già affidate a me.

Kuala Lumpur cosa vedere:  KL Forest Eco Park e KL Tower

Il KL Forest Eco Park è una foresta pluviale che si trova nel pieno cuore pulsante della città, a meno di 2km dalle Petronas Towers, ed è il posto ideale per sfuggire alla frenesia della città, almeno per qualche ora. All’interno del parco godrai infatti di una meravigliosa vista, anzi di una prospettiva completamente diversa della città, data dalla sua posizione che crea un perfetto contrasto tra il verde del parco e i grattacieli sullo sfondo.

Al KL Forest Eco park potrai entrare poi da due ingressi, uno di fronte alla Torre di Kuala Lumpur, più precisamente al Taman Eko-Rimba e l’altro che si trova sul lato opposto lungo una delle strade principali della città, ovvero il KL Forest Eco Park (E3 Entrance).

Il costo del parco infine è di circa 8€ per persona e una volta dentro io ti consiglio di salire sul famosissimo Canopy Walk, un percorso fatto di ponti tibetani che collegano tra di loro i vari alberi tropicali, permettendoti così di camminare sospesa/o tra il verde. Ma non preoccuparti se non vuoi salire, il percorso all’interno del parco si può fare anche senza essere sospesi in aria, e in base all’ingresso da cui entrerai, sarà o in salita o in discesa.

Qualora poi volessi avere una visuale dall’alto sulla città, così da poter ammirare le Petronas Tower, ti consiglio di salire sulla KL Tower. Si tratta di una delle torri di osservazione più alte al mondo, che si trova di fronte all’ingresso Taman Eko-Rimba del KL Forest Eco Park.

Ovviamente prima di partire per un viaggio tra Stati Uniti e Canada, ti consiglio di stipulare un’assicurazione che ti protegga, visto che la sanità in entrambi i paesi è privata. Scegli la Cap Annullamento di Chapka, la polizza che sottoscrivo anche io per i miei viaggi, e parti senza pensieri!

Kuala Lumpur cosa vedere: Petronas Towers

Le Petronas Towers, diventate il simbolo della Malesia, sono due torri gemelle alte ben 452 metri collegate tra loro da un ponte.

Si trovano esattamente nel cuore pulsante della città, circondate da enormi Mall e da un bellissimo parco, il KLCC park. In realtà dalle stesse Petronas si sviluppa un enorme centro commerciale, ovvero il Suria KLCC, composto da 6 piani.. Al suo interno troverai negozi e boutique di alta moda, e anche se io non amo questi ambienti, quando il caldo fuori è asfissiante o la pioggia incessante, sono sicuramente un luogo ideale dove rifugiarsi.

Ad ogni modo una delle attività imperdibili una volta a Kuala Lumpur, è sicuramente quella di salire sulle Petronas Tower e godere della vista di tutta la città dall’alto.
La visita però va programmata con anticipo dal momento che vengono venduti solo un numero limitato di biglietti al giorno. Potrai quindi decidere di acquistare i biglietti online sul sito ufficiale delle Petronas, o presentarti direttamente in biglietteria.

Infatti dal momento che i biglietti finiscono abbastanza in fretta, noi siamo andati direttamente sul posto, perché sul sito ci dava per tutti i giorni che eravamo in città, sold out. Lo stesso sito ufficiale lo riporta “If the tickets are Sold Out for your preferred Visit Time, you may purchase your tickets at the PETRONAS Twin Towers Ticketing Counter, located on the Concourse Level”.

Quindi anche se non ti garantiscono di trovare disponibilità, di solito uno slot libero in biglietteria a differenza del sito, lo trovano, noi per esempio abbiamo trovato posto per il giorno successivo all’orario del tramonto.

Ad ogni modo la visita delle Petronas Towers è una visita guidata proprio per l’alto afflusso di persone ogni giorno, la visita dura circa 45 minuti/1h e i gruppi sono composti non più da di 10 persone. 

Nel corso della visita potrai quindi raggiungere i tre osservatori, il primo che è il più alto, l’Observation Deck situato all’86° piano, lo spettacolare Skybridge, un ponte che collega le due torri gemelle tra il 41° ed il 42° piano e il Digital Displays all’83° piano dove potrai conoscere la storia e la costruzione delle Petronas.

Per una foto invece con le Petronas come sfondo, lo spot migliore è il Petronas Tower Photo Point, trovarlo non è affatto difficile visto che ci saranno sempre tante persone sia di giorno che di sera.

Parco KLCC Kuala Lumpur

Nel cuore pulsante della città, accanto alle Petronas Tower, si trova il parco KLCC. Qua troverai gazebo, panchine, aree di ombra sotto gli alberi e uno splendido laghetto con una fontana al centro. Il parco permette quindi di godere di una splendida vista sulla Petronas ed è anche un luogo ideale dove rilassarsi e riposare, prima di riprendere a scoprire la città.

Oltre a questo di sera, troverai sempre uno spettacolo di luci e di getti d’acqua, più precisamente alle 19.30, 20.30 e 21.30. Io ci sono andata immaginandomi gli spettacoli che generalmente ci sono a Dubai, però ecco non aspettarti niente di che. Se sei di passaggio può andare bene, ma non tornare al parco KLCC solo per questo perché non ne vale la pena.

Kuala Lumpur cosa vedere: Batu Caves

Le Batu Caves sono delle grotte di origine calcarea e sono uno dei centri religiosi più importanti della regione e per questo sono un sito assolutamente da non perdere una volta a Kuala Lumpur.

La scalinata per raggiungere i templi è composta poi da ben 272 gradini, ed essendo abbastanza faticosa e piena di scimmie, io ti consiglio di venirci al mattino per evitare le temperature più alte della giornata e che i troppi turisti le animino dando loro cibo.
Una volta in cima, oltre a godere della vista, potrai raggiungere anche l’interno della grotta dove troverai vari templi induisti e tante persone pregare. Quindi mi raccomando, porta rispetto.

Io ho trovato le Batu Caves estremamente suggestive e particolari, un luogo assolutamente unico.
La contrapposizione di colori poi è incredibile, le scalinate tutte colorate, la statua color oro del Dio della guerra Karttikeya cui questo luogo è dedicato, il tutto circondato dal verde delle colline circostanti. 

Sono quindi un luogo imperdibile una volta a Kuala Lumpur nonostante non si trovino proprio in centro. Infatti per raggiungerle puoi pensare di prendere un treno dal “Kuala Lumpur station” per poi scendere circa 40 min dopo alla fermata “Batu Caves” altrimenti puoi raggiungerle in taxi o Uber in circa 15 minuti. 

L’ingresso alle Batu Caves è gratuito.

Chinatown, Central Market e Penang Street

Che tu voglia fare i classici regali di fine viaggio, qua troverai i prezzi migliori, o che tu voglia immergerti nella multiculturalità di questa città, Chinatown regala sempre bellissime vibrazioni ed energia. La via iconica di questo quartiere è poi Penang Street, dove troverai il culmine di bancarelle e negozietti. Io infatti ti consiglio di non venirci al mattino presto in quanto troverai ancora molte attività chiuse. In questo caso, per godersi a pieno l’atmosfera, vale la pena trovarla affollata e ricca di persone.

Tra i siti poi da visitare in questo quartiere troviamo il Central Market, un bellissimo esempio di edificio art decò, ricco di negozi di artigianato e locali dove mangiare. Questo market ha poi una storia molto interessante, perché fu costruito nel 1888 ed essendo uno degli edifici più storici della città, è stato dichiarato sito Patrimonio dalla Malaysian Heritage Society . E’ poi il luogo ideale sia per fare shopping, che per mangiare, ma soprattutto per ripararsi nelle ore centrali dal caldo afoso e umido di Kuala Lumpur.

Anche se in realtà ha poco a che fare con il quartiere cinese, io ti consiglio di andare a visitare anche Sri Maha Mariamman Temple, un tempio indù del 1800, che è anche il più antico di Kuala Lumpur. Dalla strada noterai subito l’iconica torre di ingresso tipica di questi templi riccamente scolpita, e qualora volessi entrare, ti sarà richiesto di togliere le scarpe e di coprire spalle e ginocchia. L’ingresso è gratuito.

Infine se ami la street art, aggiungi alla tua lista su “Kuala Lumpur cosa vedere” la Petaling Street Street Art, dove potrai fotografare splendide opere di artisti nazionali e internazionali, il tutto incorniciato da splendide vie suggestive e lanterne colorate.

Kuala Lumpur cosa vedere: Kampung Baru

Kampung Baru è uno dei quartieri storici della città, dove potrai osservare com’era la città prima che si urbanizzasse. In questo caso quindi il consiglio non è tanto quello di raggiungere questa zona per visitare un sito in particolare, ma proprio per perderti tra le sue vie, per cogliere l’essenza della vita delle persone, e per incontrare ancora quelle poche case tradizionali non ancora buttate giù per costruire grattacieli.

Piazza Merdeka e l’edificio del sultano Abdul Samad

Proseguendo con la lista “Kuala Lumpur cosa vedere” troviamo l’edifico del sultano Abdul Samad che si trova di fronte alla piazza principale della città, Merdeka.

Questo palazzo, con la sua iconica torre dell’orologio, è ancora oggi un simbolo del passato coloniale e della grandezza architettonica della Malesia. Questa struttura infatti fonde perfettamente gli stili architettonici moresco, indo-saraceno e gotico, creando un capolavoro sbalorditivo.

In passato era stato la sede dell’amministrazione coloniale britannica e della Corte Suprema, le sue sale sono state infatti testimoni di innumerevoli eventi storici, dalle celebrazioni per l’indipendenza della Malesia ai raduni politici e alle cerimonie reali. Oggi invece ospita il Ministero dell’informazione, delle comunicazioni e della cultura, per questo motivo non è visitabile all’interno.

Ma non solo l’edifico del sultano è importante, perché anche Merdeka square ha un’importanza storica non indifferente. Qua infatti è stata innalzata la prima bandiera malese per proclamare la sua indipendenza. Passeggiare quindi attorno a questa immensa piazza, ti permetterà di fare un salto indietro nel tempo.

Infine, dietro al palazzo del sultano, si trova anche la moschea Sultan Abdul Samad Jamek, un luogo di culto molto importante per la città. L’ingresso è gratuito ma ti verrà richiesto di coprirti completamente il corpo. Alle donne verrà dato anche un copri testa. La zona attorno a questa moschea poi è davvero viva e colorata, con tantissima street art e una bellissima camminata lungo il fiume.

Kuala Lumpur quando andare

Una delle domande principali da farsi prima di organizzare un viaggio in Malesia è sicuramente quando andare.
La Malesia infatti ha un clima equatoriale con temperature alte tutto l’anno, così come le precipitazioni sono abbondanti, rendendo il clima estremamente umido e afoso.
Le temperature infatti sono le stesse in ogni periodo dell’anno e si aggirano intorno ai 22°C le minime e i 32°C le massime.

Per quanto riguarda il periodo migliore per venire in Malesia invece, e più precisamente a Kuala Lumpur, ti consiglio la nostra estate quindi da Giugno ad Agosto, dove le piogge sono molto limitate.
Eventualmente potresti tenere in considerazione anche Gennaio e Febbraio, mentre sono da evitare i mesi di Aprile, Ottobre, Novembre e Dicembre, dove invece le piogge sono molto abbondanti.

A prescindere da questo però, ricordati che il clima è equatoriale, e questo significa che spesso i temporali sono intensi ma passeggeri.

Visto Malesia

Per quanto riguarda la questione del Visto per entrare in Malesia, ci sono ottime notizie.
Infatti per i cittadini italiani non è richiesto il visto per turismo per la Malesia fino 90 giorni di permanenza.
Occorre solo il passaporto in corso di validità.

Kuala Lumpur cosa vedere in 1 giorno

Inizia la visita di Kuala Lumpur dal centro e sali sopra le bellissime Petronas Tower. Tutto attorno si estende un parco davvero molto bello, dove ti consiglio di passeggiare per vivere l’atmosfera della città.

Successivamente spostati alle KL Forest Eco Park, una foresta pluviale che si trova a meno di 2km dalle Petronas Towers. Un sentiero molto carino da percorrere che ti consiglio di fare è il Canopy Walk, un ponte tibetano sospeso tra le cime degli alberi tropicali. 

Come ultima tappa visita il quartiere cinese di Kuala Lumpur e la Petaling Street, un viale diventato famoso per le numerose bancarelle.

Kuala Lumpur è la città dove farai uno stop-over prima di raggiungere il Vietnam? Leggi cosa vedere in Vietnam!

Kuala Lumpur cosa vedere in 3 giorni

Il giorno successivo ti consiglio di raggiungere le bellissime Batu Caves, delle grotte di origine calcarea e uno dei centri religiosi più importanti della regione. 

Nel pomeriggio invece visita la bellissima Merdeka square e ammira il palazzo del sultano Abdul Samad.

Durante il tuo ultimo giorno a Kuala Lumpur invece, potresti pensare di dedicarti a scoprire i quartieri più autentici della città, come Kampung Baru e Little India.

Dopo Kuala Lumpur vuoi visitare l’Indonesia? Scopri a Bali cosa vedere in questo articolo dedicato!

Kuala Lumpur cosa vedere in 7 giorni

Se hai a disposizione una settimana ti suggerisco, dopo aver trascorso i primi giorni a Kuala Lumpur, di raggiungere George Town a nord del paese. Si tratta di una piccola isola collegata da due strade con la terra ferma. Qua tra street art, quartieri multietnici e cibo davvero vario e straordinario, potrai goderti delle splendide giornate.

In alternativa potresti valutare o le Cameron Highlands se vuoi fare degustazioni di the e trascorrere alcuni giorni in natura, oppure di raggiungere Melacca, una cittadina a 1h da Kuala Lumpur, dove potrai fare un giro in battello lungo il fiume e vedere la moschea Masjid Selat.

Ecco cosa vedere alle Cameron Highlands!

Kuala Lumpur e dintorni: Singapore

Se poi desideri visitare un’altra metropoli, non posso che consigliarti di raggiungere Singapore, regione autonoma della Malesia. Singapore è una città incredibile, che trasmette un’energia pazzesca per via del suo forte contrasto tra metropoli e natura. La città infatti è circondata da splendidi parchi e giardini davvero curati, anche se non mancano quartieri di lavoro e grandi palazzi tutti in vetro.

A Singapore ti consiglio di visitare il quartiere indiano, leggermente fuori dal centro e poi di perderti nel bellissimo garden by the bay. Per un aperitivo davvero sensazionale poi sali sopra il Marina Bay, uno degli hotel più famosi di tutta la città, per goderti un cocktail ammirando quella splendida vista dall’alto.


Siamo giunti al termine di questo articolo su Kuala Lumpur cosa vedere, spero troverai le informazioni che stavi cercando.

Il tuo obiettivo è quello di girare zaino in spalla per il sud-est asiatico? Allora prosegui dalla Malesia verso la Thailandia come ho fatto io.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *