Da Lat: cosa fare nella città dei fiori e delle fragole

Case pazze, stile parigino, clima mite, piantagioni di caffè e fragole, Da Lat è davvero una gemma che non puoi perderti in un viaggio in Vietnam!

Stai cercando un pò di tregua dal caldo umido di questo paese?! Allora non c’è luogo migliore dove rifugiarti, a Da Lat ci sono infatti temperature piacevoli tutto l’anno e tra trekking, cascate, buon cibo e caffé, sarà difficile andarsene.
In questo articolo voglio quindi darti tutte le informazioni riguardo a questa splendida cittadina ancora non molto conosciuta, ma ideale se hai a disposizione più dei canonici 15 giorni di ferie.

Se poi non mi conosci io mi chiamo Alice e a settembre del 2023 ho lasciato l’Italia per iniziare a scoprire il mondo insieme al mio compagno. Il primo paese da cui siamo partiti è stato proprio il Vietnam, dove ci siamo rimasti un mese e mezzo.

Il mio lavoro poi, è proprio quello di organizzare viaggi e itinerari su misura, per questo per me è molto importante non solo studiare una destinazione, ma anche testare in prima persona tutto ciò che suggerisco.
Quindi se oltre ai consigli generici, cerchi qualcuno che ti aiuti nell’organizzazione del tuo viaggio, contattami. Per saperne di più, qui trovi i miei servizi, mentre a questo link puoi prenotare una chiamata gratuita con me così da capire meglio in che modo posso esserti d’aiuto.

La città dell’eterna primavera, dell’amore, delle fragole e dei fiori

Da Lat é una suggestiva e graziosa città del sud del Vietnam, localizzata a circa 1.500 m di altitudine ed è completamente immersa nel verde. Grazie quindi alla sua posizione, gode di un clima sempre ideale che si aggira intorno ai 25° e infatti è una località molto piacevole da visitare, non a caso è stata soprannominata la città dell’eterna primavera.
Ma non solo, visto che Da Lat ha una forte influenza francese, è chiamata anche la Parigi dell’Asia, e ti basterà passeggiare per il suo centro per capirne il motivo. La maggior parte dei palazzi e degli edifici sono infatti in stile coloniale, con i classici balconi in ferro battuto e i tetti grigi. Questo perché venne costruita dai coloni francesi e molti edifici tutt’ora continuano a seguire questo stile. Non a caso per i vietnamiti è considerata una bellissima destinazione per i viaggi di nozze, visto la sua atmosfera romantica.

Oltre a questi due soprannomi, Da Lat ne ha anche un terzo, perché è anche chiamata la città delle fragole. Grazie alla sua posizione geografica e al suo clima, c’è un mix perfetto che permette la produzione di questo frutto tutto l’anno. Infatti troverai in ogni negozio, bancarella o mercato, vendita di fragole o prodotti ottenuti dalla lavorazione di quest’ultime, come confetture e marmellate.

E i fiori? Ebbene sì, Da Lat è chiamata anche la città dei fiori per la grandissima varietà di specie reperibili. Al di là della grande cura estetica della città, non affatto comune per il Vietnam, perché troverai tante zone abbellite e decorate con i fiori, come rotonde, strade e percorsi, in ogni bancarella o angolo di mercato, troverai venditrici che ti proporranno di comprare tantissime varietà.

Non partire senza un’assicurazione! Proteggi il tuo viaggio così da non pensare ad altro se non a goderti il Vietnam, scegli anche te la Cap Annullamento, la mia assicurazione di fiducia.

Cosa vedere a Da Lat: la casa pazza Hang Nga

Sapevi che a Da Lat c’è uno degli edifici considerati più bizzarri al mondo? Si tratta della “Crazy house” Hang Nga, ideata e costruita dall’architetto vietnamita Dang Viet Nga alla fine degli anni ’80.

Si tratta quindi di una casa costruita come guesthouse dove l’artista ha voluto esprimere al 100% la sua creatività e fantasia. Come? Creando un edificio ricco di labirinti e di scale a chiocciola, camere da letto scultoree, superfici ondulate, vortici di colori vivaci, ponti stretti e angoli nascosti. Ha così trasformato dei disegni di fantasia in realtà, uscendo totalmente dal concetto di classicismo, ispirata dall’artista Dalì. Come lei stessa conferma, voleva fare qualcosa all’avanguardia e di originale, soprattutto per il periodo storico, e direi che ci è riuscita.

Anche le 10 camere seguono completamente lo stile della casa, ciascuna con il nome di un animale o di un tipo di pianta, ognuna ricca di forme organiche, letti simili a caverne e aree salotto in legno.

Ad oggi la casa è quindi sia un sito di interesse che una guesthouse, ma in un modo o nell’altro, io ti consiglio assolutamente di venire a vedere con i tuoi occhi questa incredibile struttura artistica.

Cosa vedere a Da Lat 

Il cuore pulsante di Da Lat si concentra tutto attorno al suo lago Xuan Huong, circondato da una bellissimo percorso da poter fare a piedi o in bicicletta. Il lago infatti è una zona perfetta sia dove rilassarsi seduti su una delle tante panchine, sia dove venire per fare sport.

Dal lago poi ti basterà prendere la strada principale per raggiungere il centro della città, caratterizzato da un ampio viale dove troverai da un lato tanti hotel in stile art déco, mentre dall’altro, negozi e mercati di frutta e verdura.

La sera invece devi senza meno visitare il Night Market che si tiene proprio qua. La strada principale infatti viene chiusa al traffico così che tutte le persone possano riversarsi nella via. Lungo Chợ Đêm Đà Lạt troverai quindi tantissime bancarelle di street food e tanti stand di negozi. Ma al di là degli acquisti che potrai fare, ti consiglio di venire qua per respirare proprio l’energia di Da Lat la sera. Incontrerai infatti pochissimi turisti e al contrario tanti local. Una cosa molto tipica da fare la sera è poi bersi un bicchiere di latte di soia caldo sugli scalini di fronte alla fontana.

La città in generale non è molto turistica, noi abbiamo incontrato davvero pochi occidentali mentre eravamo lì, ed è stato bello osservare come le persone vivono la loro vita indipendentemente dal turismo. L’ho trovata una città molto viva. 

Se poi vuoi immergerti ancora di più nella vita cittadina, ti suggerisco di non perderti il mercato coperto di Da Lat, il Booming Da Lat Market, dove ti ritroverai circondata/o da tantissimi profumi e colori. Dai fiori alla verdura, fino alla frutta secca, in questo mercato troverai tantissime bancarelle dove assaggiare tante nuove prelibatezze.

Vuoi saperne di più dei miei servizi ma vuoi sapere cosa pensano le persone di me? Qua troverai le recensioni di chi si è già affidato ai miei servizi.

Da Lat e dintorni 

Uno dei motivi per cui ti consiglio di venire a Da Lat é anche per i suoi dintorni, trovandosi circondata dalle montagne, ci sono tantissime attività che potrai fare, a partire dalla vista delle cascate Datanla o come la splendida camminata attorno al lago Tuyen Lam.

Chiaramente per poter fare tutto questo ti ricordo che è necessario contattare un driver per farti portare in giro, in quanto noi italiani per legge non possiamo guidare in Vietnam anche se in possesso della patente internazionale. A riguardo ne ho parlato in maniera più approfondita nell’articolo su come percorrere l’Ha Giang Loop, dove troverai un paragrafo tutti incentrato sulla questione guida.

Un’altra opzione potrebbe essere quella di partecipare ad un day tour così da farti portare in giro e visitare i principali punti di interesse insieme ad altri viaggiatori.

Un’altra tappa molto carina è la pagoda Linh Phuoc che si trova sempre fuori dal centro città, ed è chiamata la pagoda della bottiglia, in quanto è stato costruita in vetro e ceramica.

L’ultimo sito fuori dal centro di Da Lat che ti consiglio di non perdere è il Thiền viện Vạn Hạnh, un tempio buddhista dove si trova la più grande statua del Buddha di Da Lat. Tra l’altro la strada per raggiungerlo è considerata la più panoramica e verde della zona.

Per tutti gli altri consigli su un viaggio in Vietnam, come la questione visto, vaccini, pagamenti etc, trovi tutto in questo articolo dedicato.

Esperienze tipiche da non perdere a Da Lat 

Non so se sai che il Vietnam è il secondo paese al mondo per l’esportazione del caffè dopo il Brasile. In tutto il paese infatti é pieno di piantagioni e soprattutto a Da Lat ci sono importanti produzioni.

Proprio per questo motivo una volta qua ti consiglio di non perderti questa esperienza, potendo osservare così i vari processi di produzione, tostatura e lavorazione del chicco di caffè. Oltre a questo se ti piace, ovviamente di degustare quanti più caffè.

Dove? Io ti consiglio al K’Ho Coffee, una piccola impresa a conduzione familiare che lavora in maniera sostenibile, dove potrai vivere tutte queste esperienze. Considera però che si trova a circa 30 minuti di strada dal centro di Da Lat.
Qua però potrai osservare tutti i processi di produzione del caffè che dal chicco arriva alla tazzina. Quindi come avviene il raccolto, la selezione, il processo di tostatura e di macinazione dei chicchi. Terminerai infine l’esperienza con una degustazione.
La gestione dell’attività é poi tutta familiare e sarà suggestivo scoprire la storia di questa azienda, assaggiare il loro caffè e perché no, acquistare anche delle confezioni da riportare a casa grazie al loro piccolo shop. Dopo tutto i regali più belli sono quelli dove dietro c’è un ricordo e dove c’è la possibilità di rivivere anche certi momenti del viaggio.

Da parte di questa realtà c’è anche un forte impegno sostenibile ed etico nel lavorare di conseguenza credo sia un’ottima azienda da supportare. Per saperne di più o per prenotare l’esperienza, ti lascio il link al loro sito K’Ho Coffee.

Se invece non hai modo di raggiungere questa zona fuori dalla città, non ti preoccupare perché ho selezionato per te un altro luogo, si tratta del la Viet Coffee, un locale dove non solo potrai assaggiare i diversi tipi di caffè, ma dove si trova anche un centro di produzione che potrai andare a visitare con una guida. L’esperienza è breve ma gratuita.
Anche qua potrai acquistare i loro prodotti e noi infatti tra i vari souvenir del Vietnam abbiamo deciso di comprare un pacco di caffè e anche il Phin, la caffettiera tipica vietnamita formata da un piccolo recipiente in alluminio, con il filtro sotto.

L’ultima esperienza che ti consiglio di non perdere una volta a Da Lat é legata al cioccolato. Come per il caffè, in Vietnam non mancano le piantagioni di cacao da cui poi dopo viene ottenuto il cioccolato. Se vuoi assaggiarne di diverse specialità e fare qualche regalo, ti consiglio di non perdere il locale The Choco.

Come arrivare a Da Lat

Per raggiungere Da Lat puoi pensare di prendere o un autobus notturno da Hoi An o da Ho Chi Minh città, le città più “vicine” e importanti, oppure un autobus di 3h da Mui Nè, un villaggio di pescatori sul mar Cinese. In alternativa se arrivi da nord puoi valutare un volo interno da Hanoi. Trovi articoli di approfondimento riguardo a tutte queste città nei link.

Se ami poi le temperature più miti e i paesaggi di natura, oltre a Da Lat non puoi saltare Sapa e le cascate Ban Gioc, nell’estremo nord del paese.

Altre tappe “must” da fare in un viaggio in Vietnam sono Tam Coc, Ha Long e Hué trovi tutti gli approfondimenti in questi link. Ad ogni modo per tutte le informazioni generiche sul Vietnam cosa vedere, ho scritto un articolo dedicato dove c’è riassunto tutto.


Come hai capito quindi Da Lat più che una città da visitare è una città da vivere, grazie al suo clima piacevole, ai suoi prodotti tipici e alla sua natura verde nei suoi dintorni, é una città perfetta dove prendersi una pausa dal viaggio e semplicemente godersi la quotidianità.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *