Cambogia Angkor Wat: 9 consigli pratici, curiosità e misteri

Articolo aggiornato il 20/07/2024 da Alice Pruccoli


Pillole, enigmi ma anche informazioni pratiche su come visitare in Cambogia Angkor Wat, continua quindi a leggere per non perderti questo articolo.

In Cambogia Angkor Wat è la destinazione numero uno da visitare, visto che è il complesso religioso più importante e grande al mondo.

Ma perché il sito archeologico di Angkor Wat è così famoso? E soprattutto cosa c’è da vedere all’interno, come ci si muove e come si arriva? Se anche te hai tutte queste domande perché desideri visitarlo, continua a leggere, in questo articolo ti darò tantissime informazioni molto importanti.

Se poi non mi conosci io mi chiamo Alice e di lavoro mi occupo proprio di organizzare viaggi e itinerari su misura. Parto sempre dalla mia esperienza personale, perché amo testare e provare in prima persona i servizi che offro, per poi arrivare attraverso lo studio e la conoscenza del territorio, a creare itinerari cuciti su misura per le persone che si affidano a me.

Scopri quindi i miei servizi e leggi le recensioni delle persone che si sono già affidate a me!

La storia di Angkor Wat

cambogia-angkor-wat

In Cambogia Angkor Wat è famoso per essere il complesso religioso più grande al mondo e proprio per la sua bellezza, suggestione e fascino, meriterebbe di entrare tra le 7 meraviglie al mondo. Proprio per questo motivo rimane il sito più importante da visitare in tutta la Cambogia, ma anche di tutto il sud est asiatico.

Ma entriamo più nel dettaglio e scopriamo la sua storia. Angkor è un complesso di templi che è stato per anni la sede dell’impero khmer, ( non a caso il termine Angkor significa città) ovvero il più grande regno cambogiano, che governò non solo la Cambogia, ma anche la Thailandia, il Vietnam e il Laos.

All’interno del sito-città quindi si trovano non solo templi, ma anche insediamenti, santuari, bacini idrici per avere l’acqua (fondamentale per l’irrigazione del riso) canali e strade. Tra tutti i siti poi, il più famoso e più importante è Angkor Wat che significa tempio della città.

Intorno poi al 1400 l’impero khmer iniziò il suo declino, dovuto anche all’espansione del Siam (Thailandia) e Angkor fu quindi in parte abbandonata e solo nel 1500 convertita a tempio buddhista, che è ancora oggi.

Angkor Wat è quindi un tempio che è stato rappresentativo di due religioni: prima dell’induismo e poi del buddhismo.

Non partire senza una polizza che ti protegga in caso di problemi, scegli la Cap Annullamento di Chapka, che è l’assicurazione che uso anche io da anni, e goditi la Cambogia senza stress!

Cambogia Angkor Wat cosa vedere

cambogia-angkor-wat cosa vedere

Il primo sito da vedere all’interno di Angkor è il tempio principale, chiamato per l’appunto Angkor Wat. Fu costruito in circa 40 anni ed è la massima espressione degli elementi distintivi della cultura khmer. E’ circondato da un canale, ha una cinta muraria e 4 porte d’ingresso in corrispondenza dei punti cardinali.

Non appena ti avvicinerai, potrai notare poi che Angkor Wat è caratterizzato da 5 enormi torri piramidali caratterizzate da stupendi bassorilievi, dove quella centrale è la più grande e la più alta.

Io ti consiglio di raggiungere Angkor Wat all’alba, sarà davvero stupendo e suggestivo vedere il sole sorgere da qua, non solo per gli straordinari colori, ma anche per scorgere piano piano tutta l’immensità del complesso.

Una volto sorto, immergiti all’interno della sua bellezza, passeggia tra i corridoi, ammira i cortili, i dettagli e le finiture del complesso e sali fino in cima alle torri per goderti il panorama.

Un altro sito da vedere è Ta Prhom, conosciuto anche per essere stato il set del film Tomb Raider. Non a caso questo complesso è estremamente affascinante visto che è circondato e abbracciato dalla giungla. Un ulteriore dimostrazione di come storia e natura possano non solo trovare un modo di coesistere insieme, ma di creare qualcosa di ancora più straordinario.

cambogia-angkor-wat tempio bayon

All’interno di Angkor non perderti poi la visita del tempio Bayon, famosissimo per le sue numerose torri di avvistamento, 216, su cui in alcuni sono scolpiti dei volti dal sorriso enigmatico. A 10 minuti a piedi dal complesso si trova anche la Terrazza degli elefanti, molto importante perché da qui il sovrano si affacciava per assistere alle celebrazioni, accogliere l’esercito al rientro dalle battaglie e per fare discorsi al popolo.

Proseguiamo con Ta Keo, un tempio montagna costruito interamente in arenaria, con l’obiettivo di rappresentare il Monte Meru, la montagna che è il centro del mondo nella mitologia indù. E’ poi caratterizzato da 5 santuari posti in cima a una piramide alta 22 metri, infatti salendo potrai goderti uno splendido panorama.

Un altro complesso molto suggestivo è il Preah Khan, una vera e propria cittadella e un importante luogo di insegnamento, che si ispirava infatti al modello delle grandi università indiane. La passeggiata poi per raggiungerlo in mezzo alla giungla è davvero suggestiva, così come tutto il complesso, ricchissimo di dettagli e bassorilievi, che uniti al verde del muschio e degli alberi, crea un mix incredibile di fascino e mistero.

Terminiamo poi con il Banteay Kdei che è un sito ideale se cerchi pace e tranquillità, essendo meno battuto dai turisti. Letteralmente significa “Cittadella delle Camere”, e infatti le rovine sono un affascinante labirinto di camere molto belle da esplorare. Di fronte all’entrata est ti consiglio poi di proseguire la camminata così da raggiungere Srah Srang, un bacino d’acqua dove rilassarti e godere della splendida vista.

Come visitare Angkor Wat

come visitare angkor wat

Il sito archeologico di Angkor Wat è davvero immenso, la superficie è di 2.000.000m², di conseguenza utilizzare un mezzo è essenziale per scoprirlo. Ma quale? Vediamolo insieme.

La prima opzione per girare il complesso è quello di noleggiare una bicicletta a Seam Reap, raggiungere il sito e poi girare al suo interno. Questo è sicuramente il modo più economico per scoprire Angkor, il noleggio costa 3/4$ ma anche il più faticoso e stancante. Non solo per i numerosi km che percorrerai durante la giornata, ma anche e soprattutto per l’estremo caldo. Se quindi volessi optare per questa opzione, preparati al meglio. Parti con diversi litri d’acqua, asciugamano, maglia di ricambio, un capellino e crema solare.

La seconda opzione se vuoi sempre gestirti in autonomia ed essere flessibile, è quella di noleggiare un motorino, che come riporta il sito di Viaggiare Sicuri, se è di cilindrata sotto i 125cc non necessita neanche di patente di guida. Un giorno di noleggio in base al tipo di veicolo si aggira intorno ai 15/30$.

Se invece non vuoi guidare perché vuoi goderti la giornata, puoi noleggiare un tuktuk con driver. Verrà quindi a prenderti in base all’orario concordato in struttura, e ti porterà per tutto il giorno o mezza giornata in base alle tue necessità, in giro per il sito. Il driver saprà già dove portarti e quali siti farti vedere e sarà sempre lì ad aspettarti. Una giornata costa circa 25€ (contratta sempre).

Infine se vuoi conoscere la storia e le curiosità del complesso, puoi decidere di prendere una guida che stia con te. In questo caso puoi optare per una guida privata, oppure per un tour di gruppo sempre con guida. La scelta ovviamente ricadrà sia sul budget, che sulla libertà/flessibilità che desideri.

Prenota un tour con guida locale di gruppo per visitare Angkor Wat oppure scegli per un tour privato!

Come andare da Bangkok ad Angkor Wat

come andare da bangkok ad angkor wat

Spesso si inserisce la visita di Angkor Wat anche senza visitare la Cambogia, ma aggiungendo semplicemente questa tappa nel proprio itinerario.

Scopri cosa vedere nel nord della Thailandia e quale spiagge più belle scegliere in questi articoli di approfondimento.

Se quindi stai visitando la Thailandia, ma non vuoi perderti la visita ad Angkor, ecco come puoi fare.

Da Bangkok, città più comoda e pratica per raggiungere Seam Reap, puoi prendere un autobus (prenotabile sul sito di 12go) oppure un volo. Il volo, che è l’opzione che però impatta di più sull’ambiente, dura circa 1h e costa più o meno sui 100€ andata e ritorno. L’autobus invece impiega circa 8/9h e costa 30€ a tratta, certo sarà una giornata “persa”, però fidati che se non l’hai mai fatto, è un’esperienza bellissima quella di attraversare un confine via terra, ti farà sentire una vera esploratrice/tore.

La capitale della Thailandia è assolutamente da non perdere, ecco cosa vedere a Bangkok con più di 23 attività e idee.

Una volta poi raggiunta Seam Reap, potrai organizzarti per visitare il giorno successivo o il giorno stesso in base all’orario di arrivo, Angkor che dista 12km dalla città.

Puoi raggiungere Angkor Wat anche da Ho Chi Minh oppure da Hoi An o da Hanoi in Vietnam, ovviamente in questo caso sarà imprescindibile un volo.

Come andare da Phnom Penh a Angkor Wat

Se desideri visitare in Cambogia Angkor Wat partendo da Phnom Penh, la capitale del paese, anche in questo caso puoi decidere se fare la tratta in aereo o via terra.

Il volo, che è il mezzo che inquina di più, dura appena 40 minuti, mentre via terra ci vogliono circa 5/6h. L’autobus o mini van può essere poi sia privato che condiviso. Io per esempio ho optato per un transfer non privato, però mi sono trovata molto bene, ho scelto un’ottima compagnia spendendo 15€.

Leggi l’articolo dedicato su come organizzare un viaggio in Cambogia!

Quanti giorni ci vogliono per visitare Angkor Wat?

quanti giorni ci voglio per visitare angkor wat

I biglietti per visitare in Cambogia Angkor Wat sono acquistabili in 3 forme: biglietto per 1 giorno, per 3 giorni o per 7 giorni. In base quindi al tempo che hai a disposizione, qua trovi l’articolo dedicato a cosa vedere in Cambogia, e a quanto sei appassionata/o di storia, potrai decidere quale opzione fa a caso tuo.

Io per entrambi i miei viaggi in Cambogia ho optato per un biglietto giornaliero, ma è molto valida anche l’opzione di 3 giorni, così da visitare zone più remote che sono anche quelle meno battute dai turisti.

Non sai come gestire l’itinerario e il programma perché vuoi visitare più posti ma non sai se stai considerando abbastanza giorni? Contattami perché sono la persona giusta per te. Occupandomi di organizzare viaggi su misura, saprò supportarti e seguirti al meglio per rendere il tuo viaggio in Cambogia speciale.

Quanto costa l’ingresso ad Angkor Wat?

Il costo del biglietto non è molto economico tenendo in considerazione che siamo in Asia, ma dal momento che ci troviamo di fronte ad uno dei siti più importanti al mondo, vale comunque la spesa:

  • 1 giorno 37$
  • 3 giorni 62$
  • 7 giorni 72$

A questa cifra dovrai poi aggiungerci il costo per arrivarci e visitarla, di cui abbiamo già parlato nel paragrafo dedicato.

Come si arriva ad Angkor Wat

In Cambogia Angkor Wat si trova a 12km da Seam Reap la città principale e dove ti consiglio di soggiornare.

Dal momento quindi che si trova fuori dalla città e il complesso è enorme e necessita di un mezzo per essere esplorato al suo interno, la scelta del trasporto per arrivare da Seam Reap ad Angkor, sarà anche lo stesso che userai per girare il sito. Quindi come abbiamo già detto: bicicletta, motorino, tuktuk, guida privata o tour di gruppo con guida.

Oltre alla storia in Cambogia vuoi goderti anche il mare? Scopri la bellissima isola di Koh Rong!

Cambogia Angkor Wat: misteri e curiosità

Nell’ultimo capitolo dedicato ad Angkor voglio raccontarti un pò di misteri e curiosità su questo incredibile complesso.

Prima curiosità: sulle pareti del tempio Angkor Wat sono scolpite 3.000 incantevoli apsara ovvero ninfe celesti con ben 37 diverse acconciature.

Seconda curiosità: Angkor fu la prima città al mondo a raggiungere 1 milione di abitanti.

Terza curiosità: il complesso di Angkor è talmente importante e rappresentativo del paese, da essere raffigurato sulla bandiera e in molte banconote.

Quarta curiosità: il tempio Angkor Wat, replica attraverso l’architettura i principi fondamentali della religione induista, che era quella degli Khmer. In primis perché rappresenta il Monte Meru, la montagna sacra dimora delle divinità induiste. Oltre a questo il canale che lo circonda, oltre ad avere una funzione pratica di raccolta delle acque monsoniche, rappresenta l’oceano cosmico che delimitava la casa degli dei. Infine le mura perimetrali rappresentano le montagne che circondano il Monte Meru.

Quinta curiosità: in Cambogia Angkor Wat, è l’unico tempio di tutto il complesso ad essere orientato verso ovest, cioè verso il regno del dio Visnù a cui il tempio è dedicato, mentre gli altri templi sono orientati verso est, che è invece associato al dio Shiva. Poiché l’ovest, il tramonto, rappresenta simbolicamente anche la fine della vita e l’aldilà, è opinione comune pensare che Angkor Wat sia un santuario reale funerario, costruito dal sovrano Suryavarman II per proteggere il suo regno e per prepararlo alla vita dopo la morte.

Mistero: al tempio Ta Prohm tra i bassorilievi raffigurati, sembra essere scolpito uno stegosauro, un rettile preistorico che però era vissuto molti millenni prima dell’Impero Khmer. Il mistero sembra essere stato risolto stabilendo che, molto probabilmente, l’animale raffigurato è un “normale” rinoceronte di Sumatra.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *